A Forcella la UIL Campania ha dato il via all’iniziativa: “Fore O’ Cinema. Il Cineforum dei giovani per i diritti e la legalità”. Prima proiezione col film “Fortapasc” per parlare di contrasto alle mafie insime ai giovani delle scuole di Napoli.

victoria

A Forcella la UIL Campania ha dato il via all’iniziativa: “Fore O’ Cinema. Il Cineforum dei giovani per i diritti e la legalità”. Prima proiezione col film “Fortapasc” per parlare di contrasto alle mafie insime ai giovani delle scuole di Napoli.

8 Marzo 2023

Una sala gremita di giovani, studentesse e studenti delle scuole di Napoli insieme alle volontarie e ai volontari del SCU di Uniti e Adoc, un film di grande valore come “Fortapasc” di Marco Risi e un tema, quello della legalità, al centro del nostro dibattito: così ha avuto inizio oggi pomeriggio, nel cuore di Napoli, a Forcella, presso l’Associazione “Annalisa Durante”, il nostro primo appuntamento con “Fore o’ cinema: il cineforum dei giovani per i diritti e la legalità, promosso dalla UIL Campania, Uil Scuola, Uniti, Adoc, l’Associazione A.Durante, insieme alla Fitel e all’ Uniat.Dopo i saluti di Giuseppe Perna, presidente dell’A.

Durante, di Giannino Durante, padre della giovane Annalisa ammazzata dalla camorra proprio a Forcella a soli 14 anni e di Roberta Vannini, segretaria generale della UIL Scuola, il dibattito ha avuto il via, con l’animazione della segretaria regionale, Camilla Iovino, grazie al quale i giovani hanno esposto le loro riflessioni e fatto domande ad un parterre composito che ha visto gli interventi di Paolo Siani, fratello di Giancarlo Siani, il giornalista de Il Mattino ammazzato dalla camorra, Giovanni Sgambati, segretario generale della UIL Campania, Anna Rea, presidente Adoc nazionale, Mario Morcone, Assessore alla Legalità della Regione Campania e Pierpaolo Bombardieri, segretario generale della UIL nazionale. Un pomeriggio di dialogo e confronto dove la conoscenza e la memoria diventano strumento di lotta e di contrasto alla criminalità organizzata.La UIL da sempre mette al centro delle proprie azioni il contrasto alle mafie e l’affermazione della Legalità declinata in ogni settore. Perchè legalità significa dignità, giustizia, lavoro, sicurezza e crescita.

Oggi con noi sono stati gli alunni degli Istituti Serra; Della Porta e Elena D’Aosta- Diaz. Il nostro confronto coi giovani continua … vi aspettiamo il prossimo 28 marzo con il film “Dio è donna e si chiama Petrunya.”

Altri articoli

CGIL CISL UIL: Presidio di sostegno alle donne in Iran a Napoli, in Piazza Plebiscito

"La morte delle tre ragazze per mano della polizia religiosa in Iran ci indigna e ci ha portati ad una…

Read Story