Campania: salute e sicurezza tra criteri ammissione a fondi Ue. Sindacati, un passo avanti decisivo.

victoria

Campania: salute e sicurezza tra criteri ammissione a fondi Ue. Sindacati, un passo avanti decisivo.

24 Gennaio 2023

“Il Comitato di Sorveglianza del PR FSE+ 2021-2027 della Campania ha accolto, con l’avallo della Commissione Europea, la nostra proposta di inserire il rispetto delle norme sulla salute e sicurezza tra i criteri di ammissibilità ai progetti europei: finalmente saranno escluse dalla partecipazione a bandi ed appalti tutte quelle realtà in cui si siano verificati di recente incidenti mortali o invalidanti”. I rappresentanti regionali di Cgil Cisl Uil, a margine della riunione tenuta oggi a Napoli, annunciano con soddisfazione l’adozione in sede comunitaria di un principio che mira al superamento delle morti e degli infortuni gravi sui luoghi di lavoro. “La Campania compie un passo decisivo contro le distorsioni ancora presenti nel mercato del lavoro – aggiungono i sindacalisti – con l’obiettivo di qualificare l’intero sistema e di condividere con le parti sociali tutti i percorsi più utili allo sviluppo economico e sociale, all’abbattimento dei livelli di disoccupazione, al rispetto delle regole a cominciare dall’assegnazione di appalti e subappalti e dall’applicazione dei ccnl nazionali e territoriali, finalizzata al contrasto del dumping contrattuale. Servono precise assunzioni di responsabilità da parte di ciascuno per gestire al meglio le importanti dotazioni dei fondi europei e nazionali e rispondere realmente, attraverso il dialogo sociale, ai bisogni dei cittadini campani”.

(ANSA) – NAPOLI, 24 GEN

Altri articoli

Sviluppo e crescita al Sud: La UIL Campania tesse la tela delle sinergie con le unioni regionale del mezzogiorno.

“È necessario che si uniscano le forze del Mezzogiorno, serve una sinergia e un’unità di intenti per mettere in campo…

Read Story

Scuola – Presidio di protesta a Napoli – Cosentino e Vannini: “Impossibile cominciare il nuovo anno. Negati il diritto al lavoro al personale della scuola e quello all’istruzione ai nostri ragazzi”

“Mancano docenti di sostegno, collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici, mentre si continua ad aspettare la pubblicazione degli esiti degli…

Read Story