DUE NUOVE TRAGEDIE SUL LAVORO- SGAMBATI- UIL: “QUANTI MORTI ANCORA DOBBIAMO CONTARE? IL GOVERNO FERMI QUESTA ESCALATION”

victoria

DUE NUOVE TRAGEDIE SUL LAVORO- SGAMBATI- UIL: “QUANTI MORTI ANCORA DOBBIAMO CONTARE? IL GOVERNO FERMI QUESTA ESCALATION”

2 Maggio 2024

“Non abbiamo nemmeno finito di parlare di sicurezza sul lavoro dal palco del 1° maggio che altri due operai hanno perso la vita mentre lavoravano. È insopportabile tutto questo, bisogna agire adesso”, così Giovanni Sgambati, segretario generale della UIL di Napoli e Campania, commentando i due incidenti mortali di stamane sul lavoro a Casalnuovo e a Lettere.

“Fermare le stragi sul lavoro non significa solo salvaguardare e proteggere la vita dei lavoratori, ma anche fermare l’illegalità, la criminalità che spesso si insinua nei sub appalti o in alcune realtà aziendali. Quella sulla sicurezza sui luoghi di lavoro è una battaglia di civiltà e di rispetto per la vita, ha sottolineato Sgambati. Servono controlli a tappeto, serve una procura speciale, serve che le morti sul lavoro siano considerate omicidi. Non è possibile restare ancora immobile di fronte a questa escalation di morte. Il governo ha il dovere di non voltarsi dall’altra parte e di mettere in campo azioni efficaci subito, quanti morti ancora vogliamo contare?”

Altri articoli

DOPO L’ENNESIMA MORTE SUL LAVORO: SCIOPERO DI OTTO ORE DEI LAVORATORI EDILI DI CGIL CISL UIL. PRESIDIO A NAPOLI IN PIAZZA PLEBISCITO PRESSO LA PREFETTURA

È una strage - hanno affermato Giovanni Sgambati e Andrea Lanzetta, rispettivamente segretari generali di UIL e FENEAL Napoli e…

Read Story

Sgambati, ok nuova società riscossione a Napoli: “In sua mission salvaguardia equità sociale”

"C'è apprezzamento per la nuova società di riscossione così come è stata concepita in una formulazione pubblico-privato, salvaguardando le professionalità…

Read Story

Orfani di femminicidio, il dibattito della UIL Campania: “Non lasciamo soli i figli orfani e le famiglie delle vittime di femminicidio”

“L’unica cosa che accomuna, seppure dolorosamente, tutte le donne oggi è la violenza. Per questo abbiamo aperto il dibattito non…

Read Story