CGIL E UIL: “DA SALVINI ATTACCO AL DIRITTO DI SCIOPERO”. VENERDI 17 NOVEMBRE PRESIDIO DALLE ORE 10 ALLE 12 A PIAZZA PLEBISCITO

victoria

CGIL E UIL: “DA SALVINI ATTACCO AL DIRITTO DI SCIOPERO”. VENERDI 17 NOVEMBRE PRESIDIO DALLE ORE 10 ALLE 12 A PIAZZA PLEBISCITO

15 Novembre 2023

Sciopero di 8 ore dei settori della conoscenza, del pubblico impiego e della sanità e degli appalti di ristorazione, pulizia e vigilanza, e dei Consorzi di Bonifica, e di 4 ore – dalle 9 alle 13 – per il trasporto pubblico locale. Venerdì 17 novembre, anche in Campania, Cgil e Uil saranno in piazza per il primo dei cinque scioperi indetti dalle due confederazioni per alzare la voce contro la manovra economica e finanziaria del Governo Meloni. A Napoli, in piazza Plebiscito a partire dalle 10:00, la manifestazione regionale che coinvolgerà lavoratrici e lavoratori da tutta la regione. Le motivazioni della giornata di sciopero sono state illustrate questa mattina, in conferenza stampa, dai segretari generali di Cgil e Uil Napoli e Campania, Nicola Ricci e Giovanni Sgambati.

“E’ uno sciopero – ha affermato Nicola Ricci – che per noi rimane ‘generale’, al di là di ciò che pensano la Commissione di garanzia o il ministro Salvini. A Napoli faremo sentire la nostra voce con un presidio a piazza del Plebiscito, analoghe iniziative sono previste in tutte le provincie. Ribadiamo con forza che questa manovra finanziaria è sbagliata, non va bene, non ci convince. Pensiamo che i settori strategici chiamati a scioperare, dal mondo della conoscenza ai trasporti, dal pubblico impiego alle poste, agli appalti, debbano far sentire la loro voce. E’ una mobilitazione che crescerà fino al 1 dicembre, con la mobilitazione delle regioni del Mezzogiorno e una grande manifestazione a Napoli. Esercitiamo la nostra funzione che è quella di manifestare, gestire il conflitto e scioperare per sostenere le nostre richieste. Interpretiamo l’iniziativa di Salvini come un attacco al diritto di sciopero, a un diritto Costituzionale, sostenuto dal parere di una Commissione di garanzia che rilancia il tema dell’imparzialità di alcuni enti o istituzioni. E’ evidente che quella di Salvini è una provocazione di natura politica, il vice premier non ha rispetto dei lavoratori che rinunciano a una giornata di paga e non tiene conto di un diritto riconosciuto dalla Costituzione. Il sindacato non è irresponsabile, esercitiamo il diritto di sciopero rispettando la fasce di garanzie per evitare quanto più possibile i disagi ai cittadini”.

“Abbiamo sempre rispettato le regole ogni volta che abbiamo organizzato gli scioperi e se Salvini crede di spaventarci o di farci indietreggiare si sbaglia profondamente. Lo seppelliremo con una grande risata” ha affermato Giovanni Sgambati, prendendo in prestito una frase anarco-sindacale del secolo scorso. “Lo sciopero – ha aggiunto – è il grido di protesta del mondo del lavoro e dei cittadini. Loro ci chiedono di intervenire contro un governo che non da’ risposte e adesso vuole anche negarci il diritto allo sciopero che i lavoratori, voglio ricordarlo, pagano. Il governo vuole spostare l’attenzione sulle ragioni che ci vedranno in piazza. Noi per tutto il 2023 con la nostra piattaforma unitaria abbiamo promosso mobilitazioni e abbiamo sempre cercato il confronto e il dialogo col governo, ma siamo rimasti inascoltati, sul rinnovo dei contratti, sulle pensioni, sui giovani, sulla sicurezza sul lavoro. E non ci prendessero in giro con il taglio del cuneo fiscale che abbiamo conquistato col governo Draghi e che adesso verrà solo confermato. Questo governo non ha avuto il coraggio con le banche mentre continua a fare cassa sulla pelle dei lavoratori e dei pensionati. Gli scioperi di questi giorni in diverse date e in diversi luoghi del paese non sono un punto di arrivo ma di partenza delle nostre battaglie affinché non avremo risposte”.

Altri articoli

Manifestazione Trianon – Sgambati: “Non possiamo restare in silenzio: i governi intervengano per fermare le barbarie in Iran”

“Non possiamo restare in silenzio, non possiamo restare immobili di fronte alla barbarie. In Iran giovani, giovanissimi stanno perdendo la…

Read Story
Giovanni Sgambati 0 morti sul lavoro

Muore operaio investito su A14-Sgambati: “Rabbia e sdegno per l’ennesima tragedia sul lavoro”

“Rabbia e sdegno, ancora un giovane operaio che perde la vita per lavorare”, è quanto ha affermato Giovanni Sgambati, segretario…

Read Story

UIL SCUOLA- RUA: DOMANI, 28 FEBBRAIO, A NAPOLI, SI TERRANNO GLI STATI GENERALI DELL’ALTA FORMAZIONE NEL MEZZOGIORNO CON PIERPAOLO BOMBARDIERI, SEGRETARIO GENERALE DELLA UIL NAZIONALE

Si terranno domani mattina, 28 febbraio, alle ore 11:00, presso l’hotel Terminus, a Napoli, gli Stati Generali dell'Alta Formazione nel…

Read Story