“Basta aggressioni, basta violenza, vogliamo lavorare in sicurezza, vogliamo rispetto” : è il grido di protesta delle lavoratrici e dei lavoratori che questa mattina presso gli ospedali e i pronto soccorso di Napoli e delle altre province regionali hanno organizzato con la Uil e la Uil Fpl di Napoli e Campania.

victoria

“Basta aggressioni, basta violenza, vogliamo lavorare in sicurezza, vogliamo rispetto” : è il grido di protesta delle lavoratrici e dei lavoratori che questa mattina presso gli ospedali e i pronto soccorso di Napoli e delle altre province regionali hanno organizzato con la Uil e la Uil Fpl di Napoli e Campania.

12 Gennaio 2024

“Le nostre lavoratrici e lavoratori sono stanchi, sono in grande sofferenza, non possono rischiare la vita mentre cercano di salvare quella degli altri” è quanto affermano Giovanni Sgambati e Nicola Di Donna, rispettivamente segretari generali della Uil e della Uil Fpl Napol e Campania. “Serve incrementare l’organico, inasprire le pene e rafforzare i presidi delle forze dell’ordine.

I flash mob di protesta si sono tenuti nei pronto soccorso degli ospedali, Cardarelli, San Paolo, Vecchio Pellegrini, Santa Maria delle Grazie, San Giuliano, San Leonardo, Aorn Cardarelli, Aorn Santobono, e presso il presidio ospedaliero Cto. Nelle province parteciperanno all’iniziativa anche gli ospedali di San Luca di Vallo della Lucania e il Moscati di Aversa.

Altri articoli

AUTONOMIA DIFFERENZIATA: LA UIL PARTECIPA AL PRESIDIO DI DOMANI IN PIAZZA PLEBISCITO A NAPOLI

SGAMBATI: “IL DDL CALDEROLI METTE IN GINOCCHIO IL SUD E I DIRITTI DEI MERIDIONALI” La UIL Campania parteciperà al presidio…

Read Story

Primo Maggio: Giovanni Sgambati: “Tutelare la pace per tutelare il lavoro”

(ANSA) - NAPOLI, 1 MAG - “Lo slogan che abbiamo scelto per questo primo Maggio, ‘Al lavoro per la pace’…

Read Story

Manifestazione Trianon – Sgambati: “Non possiamo restare in silenzio: i governi intervengano per fermare le barbarie in Iran”

“Non possiamo restare in silenzio, non possiamo restare immobili di fronte alla barbarie. In Iran giovani, giovanissimi stanno perdendo la…

Read Story